Zeppole di San Giuseppe

La ricetta delle zeppole di San Giuseppe è antica e molto amata.

Il 19 marzo ricorre la festa del papà insieme alla celebrazione di S.Giuseppe, nome utilizzato molto di frequente e probabilmente in tutta Italia, non solo al sud.

In questa giornata, che quest’anno cade di martedì, tutti i papà e tutti i Giuseppe vengono festeggiati a dovere a suon di zeppole con l’amarena sciroppata.

Qui al sud, le spose e le mamme dei Giuseppe, non possono assolutamente esimersi dal preparare almeno due dozzine di zeppole, da dividere e far assaggiare a tutto il quartiere.

Ricordo che da sempre, a casa mia, nel giorno della festa del papà, arrivavano zeppole di diversa fattura.

C’erano le zeppole fritte con la crema morbida della nonna, poi arrivavano quelle a forno con la crema soda e super gialla dell’amica di mamma, poi c’erano quelle mignon della zia e quelle che faceva mamma. Ognuna diversa dall’altra ma tutte buone!

La cosa che tutte queste zeppole, avevano in comune, era il profumo delle amarene sciroppate, adoro quel gusto così aromatico e dolce, e per quanto mi piaccia sperimentare vari gusti e modi in cui farcire le zeppole (se sei curiosa clicca qui per vedere le mie varianti), quelle classiche con l’amarena resteranno sempre le migliori in assoluto!

zeppole di san giuseppe

Dosi per 20 zeppoline piccoline oppure 10 zeppole di San Giuseppe classiche

  • 150 g di acqua
  • 150 g di farina
  • 100 g di burro
  • 1 pz di sale
  • 5 uova medie (o 4 se sono molto grandi)
  • 12 amarene sciroppate
  • zucchero a velo q.b.
  • 500 ml di crema pasticcera (ricetta qui)

 

Come preparare le zeppole di San Giuseppe

In una pentola abbastanza capiente versate l’acqua e il burro, aggiungete anche il pizzico di sale e mettete sul fuoco,aspettate che il burro sia sciolto completamente.

Appena inizia a bollire aggiungete la farina e mescolate energicamente con un cucchiaio di legno per qualche minuto fino a che l’impasto forma una palla, tenete ferma la pentola con una presina utilizzando l’altra mano.Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire per pochi istanti.

Ora aggiungete le vostre uova una alla volta. Lasciate assorbire bene ogni uovo prima di aggiungere il successivo. Se le vostre uova sono piuttosto grandi potreste non dover aggiungere il 5° uovo, valutate da soli se il vostro impasto di pasta choux inizia ad essere troppo morbido al 4° uovo.

Con una sac a poche e una punta a stella abbastanza grande formate le zeppole della dimensione che preferite. Io ne ho ricavato 10 pezzi. Su una teglia rivestita di carta forno fate due giri lasciando vuoto il centro e tenendo un po’ di distanza loro perché si gonfiano molto in forno.

Preriscaldate il forno a 200°C modalità ventilata e infornate le zeppole a questa temperatura per i primi 15 minuti, poi abbassate a 190°C per altri 10 minuti.zeppole di san giuseppe

Verificate la cottura delle zeppole e quando spegnerete il forno tenete lo sportello socchiuso lasciando le zeppole dentro fino al completo raffreddamento.

Passate ora a guarnire con la crema pasticcera aiutandovi con la sac a poche. Riempite bene prima il centro, vedrete che all’interno di ogni zeppola si sarà creato un vuoto da riempire, ma senza esagerare, con la crema. Mettete un’amarena su ogni zeppola e spolverate con lo zucchero a velo prima di servire.

Iscriviti al mio canale Telegram 

per ricevere  gratuitamente in anteprima tutte le nuove ricette sul blog direttamente sul tuo cellulare.

Seguimi su Facebook

Lascia il tuo “Mi piace” sulla mia PAGINA FACEBOOK, ti basta cliccare Qui ,lasciare il tuo Highlights info row imagee selezionare “Mostra per primi” ,così mi seguirai e non perderai le mie ricette.

Iscriviti al gruppo

e condividi anche le tue ricette clicca qui

 su Instagram 

 Ti basta cliccare qui per visitare e seguire il mio profilo

su PINTEREST

per vedere le immagini delle mie ricette e trovare ispirazione per i tuoi menù di ogni giorno.

Precedente Crema pasticcera con uova intere Successivo Pasta cremosa con asparagi e speck

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.